L’arte di essere fragili – Alessandro D’Avenia.

L’arte di essere fragili non si può definire un vero e proprio romanzo, poiché non viene raccontata una storia e non c’è un vero e proprio protagonista che compie imprese; piuttosto si potrebbe definire meglio come un manuale di vita. Secondo D’Avenia, le persone vivono in uno stato di eterna infelicità, oppresse dal buio e dalla paura di scoprire la bellezza e la voglia di vivere; sono carenti di passioni e, pur di non affrontare le loro paure, preferiscono accontentarsi del “rivestimento” della vita. Nel romanzo l’autore afferma di essere riuscito a trovare il segreto del vivere, accettando la sua paura. L’aiuto è giunto grazie al poeta Giacomo Leopardi, che grazie alle sue poesie è riuscito a svelare il segreto di una vita felice. L’autore cerca di spiegare a noi lettori, attraverso una corrispondenza epistolare, i metodi per trovare la felicità, che prima di essere nelle piccole cose, si trova proprio …

“Anime scalze” di Fabio Geda per il progetto “Invito alla lettura”

È meraviglioso leggere un libro e scoprirlo estremamente emozionante. È ancor più sorprendente poter condividere la sua storia con altre persone. Noi, tre alunne del liceo Leopardi Majorana, questa possibilità l’abbiamo colta al volo! Per il progetto Invito alla lettura, abbiamo presentato il romanzo Anime scalze, di Fabio Geda ai ragazzi di una classe seconda della scuola media “Centro Storico”, ospiti della prof. Daniela Cauli. Attualmente l’autore collabora con diversi settimanali e quotidiani nazionali. oltre che con la Scuola Holden e il Salone del libro di Torino. In passato ha lavorato come educatore per i servizi sociali e si è occupato di disagio minorile, esperienza che ha influenzato molto la sua produzione letteraria. Anime scalze, infatti,  affronta temi quali i problemi delle famiglie di oggi, la diversità economica e sociale, la protezione verso chi si ama ma, soprattutto, la formazione e la crescita del protagonista, un ragazzino di nome Ercole. …

La IAc presenta “Eppure cadiamo felici” di Enrico Galiano alla Scuola media “Centro Storico”

Lunedì 26 marzo 2018 sei alunne della classe 1^Ac, Gioia Mauro, Emma Salton, Alice Scarabellotto, Caterina Gambron, Matilde Facca e Mariachiara De Carlo, hanno presentato alla classe 3^B della Scuola media “Centro Storico” il libro di Enrico Galiano Eppure cadiamo felici. Le sei ragazze del Liceo hanno cominciato con l’esporre rapidamente agli allievi della 3^B delle medie la trama dell’opera. La protagonista del romanzo, Gioia, una ragazza che ha difficoltà a stringere amicizie vere con i suoi coetanei, un giorno, un po’ per caso, incontra Lo. I due si innamorano l’uno dell’altra ma, ad un certo punto, lui scompare. Sarà Gioia a ritrovarlo con il solo aiuto di alcuni indizi che Lo le ha lasciato. Qualche cenno sulla vita al Liceo Leopardi-Majorana e poi Gioia, Emma, Alice, Caterina, Matilde e Mariachiara hanno esposto alcuni elementi della biografia dell’autore del romanzo, che alcune di loro hanno conosciuto di persona. Enrico Galiano, …

I ragazzi del Gruppo poesia al Festival della letteratura Verde

Domenica 8 aprile si è tenuto a Villa Correr Dolfin (Porcia) il Festival della letteratura verde, organizzato da Alessandro Canzian e Maria Milena Priviero, nell’ambito di Orti in villa. All’interno del ricco panorama di appuntamenti con gli autori anche i nostri ragazzi – Andrea Cozzarini, Michel Dassi, Rebecca Garcia, Marlene Prosdocimo (giunta in extremis causa gomma forata) e Alessandro Stoppa – hanno letto le loro poesie. E sono stati molto molto bravi!  

“L’Arminuta” presentata dai ragazzi di IIDu alla scuola media “Centro Storico”

Un giorno ti svegli e la tua vita cambia di colpo: improvvisamente ti riportano da quella che è la tua madre biologica, della quale non sapevi niente, e il tuo mondo cambia completamente, va in frantumi. Non hai più agi, amici, la scuola è molto diversa da quella che frequentavi… Anche il cibo è cambiato. Però hai anche dei nuovi fratelli: c’è Adriana, tua sorella minore, curiosa e schietta e Vincenzo, il fratello più grande, che ti guarda con occhi strani … e non hai neppure un nome, sei “l’arminuta”…  Così inizia il romanzo di Donatella Di Pietrantonio, L’Arminuta, che in dialetto abruzzese significa “la ritornata”. Così viene chiamata per tutto il romanzo (vincitore del Premio Campiello 2017) la protagonista che attraverserà un percorso di formazione, colmo di momenti difficili e dolorosi, che la porterà però  a capire quanto gli affetti, i legami di sangue, nella vita contino veramente. Questo …

Invito alla lettura: “Il giardino dei Finzi Contini” presentato alle medie del Centro Storico dagli studenti della IIDu

Un nuovo aggiornamento per il progetto Invito alla lettura. Tre studenti della IIDu, Andrea Barlassina, Giorgio Gasparini e Milena La Peruta hanno incontrato gli alunni della IIA della scuola media Centro Storico, presentando il romanzo di Giorgio Bassani, Il giardino dei Finzi Contini. Alla fine dell’esposizione abbiamo raccolto l’impressione della prof. Paola Pagano, docente di Italiano della classe ospite. Riportiamo qui alcuni suoi commenti: “… Molto interessante è stato il parallelismo tra il testo e il film. I ragazzi della media hanno seguito con attenzione, anche se a conclusione non hanno posto particolari domande. Il libro proposto è un genere diverso, e forse lontano, dai generi fantasy che loro leggono di solito, ma la sfida era proprio questa: confrontarsi con un genere di romanzo “classico”! Qualcuno mi ha detto che lo leggerà… Bene, avremo “invitato alla lettura” nuove sensibilità … è un importante stimolo che non può mancare nel tempo presente …

“L’angelo di Mathausen” di Genovesi per il progetto “Invito alla lettura”

Quest’anno il progetto “Invito alla lettura” si è aperto con la presentazione del thriller di Roberto Genovesi, L’angelo di Mathausen, presentato da Carol Palei della IIAc in alcune classi del nostro istituto, in occasione della Giornata della Memoria. Un modo “alternativo”, a detta della stessa Carol, di guardare a un evento tragico della nostra storia. «Il libro – spiega Genovesi – non a caso nasce come una sfida. Una sfida ai canoni narrativi, alla struttura lineare di una storia, alle sue regole editoriali classiche. È un romanzo che non racconta quello che dovrebbe essere raccontato, quello che un critico letterario vorrebbe che si scrivesse sulla Shoah per poter celebrare l’ennesimo cantore di morte. Racconta invece quello che accadde davvero. Senza censure, senza filtro nella scelta delle aggettivazioni ma, soprattutto, seguendo uno schema narrativo diverso». Il romanzo, infatti, non è strutturato in capitoli ma in livelli, come in un videogioco. Più …

I ragazzi del Leomajor giurati del Premio Strega Giovani 2018

Gli studenti Elisabetta Arigò (4Cc), Francesco Cinelli (3Dc), Mattia De Filippo (3As), Milena Di Fusco (3As), Luna Franco (3As), Caterina Moro (4Cc), Leonardo Palumbo (3As), Chiara Pezzutti (4Eu), Valdo Reini (3As) ed Emma Rigo (4Bs) saranno i giurati del Premio Strega Giovani 2018, un’iniziativa promossa dalla Fondazione Bellonci che vuole diffondere la narrativa italiana contemporanea presso il pubblico dei giovani adulti, riconoscendone e enfatizzandone l’autonomia di giudizio. In particolare il premio è assegnato da una giuria di studenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni, provenienti da circa cinquanta scuole secondarie superiori distribuite in tutta Italia. Concorrono a ottenere il riconoscimento i dodici libri candidati al Premio Strega 2018, la cui selezione sarà resa nota entro il prossimo mese di aprile. I ragazzi della giuria sono inoltre invitati a motivare la loro scelta inviando un testo scritto. Gli autori delle migliori motivazioni saranno ospiti della Fondazione alla cerimonia di proclamazione del vincitore, che si terrà …

Il rappresentante d’istituto oggi…

31 Maggio 1974: viene emanato il DPR (decreto del Presidente della Repubblica) n.416. Si istituisce il Consiglio d’istituto: organo collegiale formato dalle varie componenti interne alla scuola, tra cui quella degli studenti. Viene creata la figura del rappresentante d’istituto e con essa legittimato anche il concreto esercizio democratico dell’Assemblea degli studenti. Grande traguardo per i ragazzi del tempo. Si ha la possibilità di discutere apertamente dei problemi della scuola e, tramite il Consiglio, poter concretamente avanzare proposte per migliorare la vita dello studente. Oggi i tempi sono cambiati. Le assemblee d’istituto sono ormai considerate una perdita di tempo, probabilmente sono tanto attese semplicemente per poter perdere un po’ di scuola. Prima venivano sfruttate per provare a parlare di problemi, oggi bene o male vengono usate per intrattenere gli studenti. Si prova a discutere di temi di un certo livello, ma quasi sempre si sfocia in un clima di noia e disinteresse. …

Facci caso: tra le novità…

  Cercarsi una montagna da scalare  Paolo Cognetti, Le otto montagne, Einaudi, 2016 È la storia di Pietro, un ragazzino di città solitario e un po’ scontroso, del suo rapporto con i genitori, con il suo amico Bruno e, soprattutto, con la montagna, che nella sua scarna bellezza, dura e selvaggia, segna l’anima per sempre, anche quando la si lascia in cerca di un altrove più conveniente. È un libro sui rapporti che possono essere accidentati ma granitici, sulla possibilità di imparare e sulla ricerca del nostro posto nel mondo. «Qualunque cosa sia, il destino abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa». Due madri e non averne nessuna  Donatella Di Pietrantonio, L’Arminuta, Einaudi, 2017 L’Arminuta, «la ritornata», è una ragazzina di tredici anni che, per motivi a lei incomprensibili, viene riportata dallo zio che l’ha adottata da piccola alla sua famiglia d’origine. Dietro la porta della nuova casa c’è …

Ecco il bando del Premio Teglio Poesia 2018

È stato pubblicato il bando della XVII edizione del Premio Teglio Poesia! Il premio, organizzato dal Comune di Teglio Veneto in collaborazione con l’Associazione Culturale Porto dei Benandanti, è suddiviso come d’abitudine in due sezioni: Poesie in lingua italiana, nelle lingue delle minoranze etnolinguistiche italiane e nelle parlate locali, aperta alle raccolte di poesie inedite, e Barba Zep, dedicata alle scuole primare e secondarie (di primo e secondo grado) d’Italia. Per la prima sezione è in palio la pubblicazione, presso l’editrice, QUDUlibri di Bologna, mentre gli studenti vincitori saranno premiati con buoni per l’acquisto di libri. La giuria, presieduta da Fabio Franzin, è composta da Francesco Tomada, Patrizia Dughero, Roberto Ferrari, Piero Simon Ostan e Anna Toscano. Il termine ultimo per la partecipazione è il 21 marzo 2018. Segnatevi la data!

Ecco il bando del Concorso scuole Terzani

Il Concorso scuole Tiziano Terzani – giunto alla sua XIV edizione – premia ogni anno a maggio in occasione del festival vicino/lontano, nel corso di una mattinata dedicata agli studenti (sabato 12 maggio) che si tiene al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, i migliori progetti tra le centinaia di proposte presentate dalle scuole del Friuli Venezia Giulia. L’iniziativa ha la finalità di stimolare percorsi di riflessione e creatività che portino a sviluppare nelle giovani generazioni atteggiamenti consapevoli nei confronti di culture, storie, persone “altre”. Il tema scelto per la nuova edizione è ARIA, ACQUA, TERRA: UN EQUILIBRIO SI È SPEZZATO.  CIASCUNO DI NOI DEVE SENTIRSI RESPONSABILE: NON DI TUTTO, MA DI QUALCOSA. Potete scaricare qui il bando e la scheda di iscrizione. La scheda di iscrizione deve essere inviata entro il 21 gennaio 2018 via posta oppure via e-mail a:   Associazione culturale vicino/lontano via Crispi 47 – 33100 Udine Mail: info@vicinolontano.it

Cercasi otto giurati per il Premio Friuli Storia

Il Premio nazionale di Storia contemporanea Friuli Storia (www.friulistoria.it), organizzato in collaborazione con l’Università di Udine e il Churchill College di Cambridge, offre la possibilità agli studenti di varie scuole di partecipare alla giuria dei lettori che ogni anno seleziona il vincitore del premio all’interno di una terzina di finalisti. La partecipazione alla giuria dei lettori comporta l’impegno a leggere i tre volumi finalisti selezionati dalla giuria scientifica e a esprimere un voto entro fine agosto 2018. I volumi (di storia contemporanea nazionale e internazionale) saranno forniti gratuitamente agli studenti dalla segreteria organizzativa a fine maggio 2018. Al nostro Liceo sono stati assegnati 8 giurati. Gli studenti che intendono aderire all’iniziativa sono pregati di inviare entro il 15 novembre 2017 una mail a bibliotecaleomajor@gmail.com, indicando Nome Cognome Classe Mail.

Ecco il nuovo orario della biblioteca della sede Centrale

  Ecco l’orario della biblioteca della sede centrale a partire da lunedì 23 ottobre:   Si sottolinea che ogni lunedì e martedì fino al 23 dicembre 2017 la biblioteca rimarrà aperta sino alle 13.45 per permettere anche ai docenti e agli studenti delle altre sedi di accedere al servizio. In base alla risposta dell’utenza l’orario di questi due giorni sarà eventualmente prorogato nel secondo quadrimestre.  

Ciao Pierluigi

Oggi. Scrivere il nome   Comincia con lo scrivere il tuo nome, perché ne resti traccia, qualche segno di grafite risonante nel bianco. Con poche lettere sigla decenni di storia, il silenzio della pagina pronto a spalancarsi, ad accogliere e disperdere. Spicca nel bianco e non è più bianco ma voce la matita che attraversa il foglio, e goccia a goccia qualcosa cede e ti si allarga dentro: Pierluigi, e dopo Cappello, in un sussurro un nome; e dentro un nome, l’uomo che non concede a sé i suoi stessi lineamenti, protetti da un’ottusità misericordiosa. Leggero, come la cenere. Fresco, come l’aria fra le dita. Scomparso, come una nuvola.

Siamo la prima biblioteca al mondo a possedere tutta la collana Gialla di Lietocolle-Pordenonelegge.it!

  Siamo lieti di annunciare che la biblioteca Leomajor è la prima biblioteca al mondo a possedere tutti i volumi delle collane Gialla e Gialla Oro pubblicati dal 2014 dall’editore Lietocolle e Pordenonelegge.it. I libri, donati dalla Fondazione Pordenonelegge.it (che ringraziamo) sono:   2014 Clery Celeste, La traccia delle vene Tommaso Di Dio, Tua e di tutti Giulia Rusconi, Suite per una notte Giulio Viano, Iridi Artiche   2015 Sebastiano Gatto, Voci dal fondo Maddalena Lotter, Verticale Daniele Mencarelli, Storia d’amore Greta Rosso, Manuale di insolubilità   2016 Azzurra D’Agostino, Alfabetiere privato Alessandro Grippa, Opera in terra Marco Pelliccioli, L’orfano Francesca Serragnoli, Aprire di là   Maria Grazia Calandrone, Gli scomparsi Luciano Cecchinel, Da un tempo di profumi e gelo Gaia Danese, L’amore domestico Gian Mario Villalta, Telepatia   2017 Kabir Yusuf Abukar, Reflex Alessandro Bellasio, Nel tempo e nell’urto Marta Borio, L’altro limite Naike Agata La Biunda, Accogliere i tempi ascoltando …

Riparte ipoetisonovivi.com!

Riparte ipoetisonovivi.com, il blog che dal 2012 pubblica una poesia al giorno di poeti viventi da leggere in classe (e non solo). Una poesia al giorno, perché la poesia viene prima di noi, nella lingua e nel ritmo che attraversano le generazioni, sebbene oggi essa rischi di scomparire dall’orizzonte quotidiano e di svaporare in altre forme di comunicazione. La poesia c’è anche a scuola, uno dei pochi luoghi dove ancora si sente menzionare questa parola, ma quasi sempre trattata come una cosa lontana dal presente e incomprensibile se non con le “pinze” di concetti articolati e complessi, che scoraggiano ogni entusiasmo. Proprio la scuola può diventare il luogo del riscatto della poesia, a patto che essa non venga trattata come una cosa lontana dal presente, ma che al contrario possa inchiodarci a pensare e a scoprire noi stessi, facendoci riconoscere in un’esperienza comune. L’idea, promossa da pordenonelegge.it e dal Liceo …